Storia

„Il tempo che riserviamo a noi stessi è il tempo che ci restituisce qualcosa."
Ernst Ferstl

Tempi movimentati segnarono il Tschötscherhof: esso fu menzionato nei documenti per la prima volta nel 1494. Untertschötsch, denominato Ruzzik nei documenti più antichi, era costituito da "un'abitazione con gli edifici connessi, il fienile, la stalla, lo "Stadl" (una rimessa), l'orto, campi, prati, boschi e qualche pascolo; un prato a Compatsch (Alpe di Siusi) e sullo Joch (Alpe di Siusi), il diritto d'usufrutto di boschi comunali."
L'abitazione è costruita su una base di roccia: ne è testimone la massiccia pietra che si trova al piano interrato. L'arco in stile gotico, oggi situato all'interno della casa, nei secoli precedenti probabilmente costituiva l'ingresso principale. L'ingresso attuale riporta la scritta del 1855, a memoria dell'acquisto all'incanto di Josef Jaiter, il trisnonno degli attuali proprietari. La vecchia porta in legno al pianterreno era in origine l'ingresso alla tabaccheria, presente parecchi decenni fa nel Tschötscherhof.
Attualmente, così come nel passato, l'agricoltura, la frutticoltura, la coltivazione d'erbe nell'orto di casa e il bestiame costituiscono la parte centrale del maso. A queste attività si aggiunge la viticoltura: già in precedenza alla prima guerra mondiale i viandanti si soffermavano per rifocillarsi con le semplici pietanze della cucina altoatesina e vino di produzione propria. Dopo la prima guerra mondiale furono piantati diversi alberi da frutta: prugne, susine, mele, cotogne, pere, noci, ciliegie e nespole.
Per far conoscere l'arte della coltivazione dei masi di Castelrotto e la profonda abnegazione della popolazione contadina, il padrone di casa ha creato e cura con grande passione il "museo contadino del Tschötscherhof".

Offerte/News

  • Alto Adige Balance- Esperienze top per una primavera attiva e sana

    dal 30.04.2018 al 27.06.2018

    Perdersi nella natura per ritrovare l’equilibrio

    Queste offerte speciali aggiuntivi Vi aspettano al Tschötscherhof:

    • La vita contadina / vivere con gli animali
    • L´aperitivo al fieno della casa / preparazione e degustazione nel museo contadino
  • Novitá dall´Alpe

    Prezzo: da Riaperta dal 07.12.17 in poi

Albergo

"...e quando sarò arrivato, mi lascerò avvolgere da questa profonda quiete, ...

continua

Appartamenti

"Intrattenersi non significa perdere tempo, bensì viverlo." (Karlheinz A. Geißler)

continua

Museo contadino

„Ciò che hanno costruito i nostri avi con l'aiuto di Dio vogliamo conservare e migliorare."

continua

Agriturismo / maso

"Adeguati al passo della natura, il suo segreto è la pazienza." (Ralph Waldo Emerson)

continua

Baita sull' alpe

"Molti anni addietro la nonna di Tschötsch si recava ogni estate alla Bullaccia con i suoi numerosi nipotini...

continua

Richiesta
+39 0471 706 013